FTC potrebbe multare 5 miliardi su Facebook per violazione della privacy - BGR

Per oltre un anno, Facebook ha parlato di uno scandalo della privacy, una realtà che sta per presentare la società di social networking con una pesante penalità finanziaria.

La società ha condiviso i risultati del primo trimestre per 2019 mercoledì pomeriggio e, come parte della divulgazione, Facebook ha ammesso che si aspetta una multa di molti miliardi di dollari dalla Federal Trade Commission per Stati Uniti d'America. Facebook sta pianificando una multa che va da 3 a 5 miliardi, che sarà sicuramente una penalità record per la compagnia.

Il fatto che una simile punizione sembra essere annunciata presto non è una sorpresa. L'FTC non ha confermato l'esistenza di un sondaggio di Facebook lanciato dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, sebbene Il Washington Post annunciato all'inizio dell'anno che l'agenzia stava considerando una "multa record"

"Nel primo trimestre di 2019, abbiamo stimato una probabile perdita e registrato un aumento di 3,0 miliardi relativo alle indagini della FTC sulla nostra piattaforma e sulle pratiche dei dati degli utenti", ha aggiunto oggi. l'azienda come parte del suo annuncio dei risultati . "Stimiamo che l'entità delle perdite in quest'area sia tra 3,0 e 5,0 miliardi. La domanda rimane irrisolta e nulla garantisce i tempi o le condizioni del risultato finale. "

Fonte immagine: Shutterstock

È un enorme occhio nero per un'azienda che sembra non essere in grado di controllare i suoi problemi di privacy, ma va anche notato che la FTC non è affatto l'unica grande indagine in corso sul gigante dei social media .

CNBC riferito oggi, che Facebook era anche " attualmente sotto inchiesta da diverse agenzie nazionali e straniere che potrebbero essere multate contro l'azienda per le sue pratiche sulla privacy. "Housing and Urban Development ha intentato una causa contro Facebook nelle ultime settimane", reclamando danni per qualsiasi persona lesa Le pratiche pubblicitarie mirate di Facebook in materia di alloggi, che ha trovato discriminatorie ".

Fonte immagine: SHAWN THEW / EPA-EFE / REX / Close terstock

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR