Il petrolio supera i dollari 75 per la prima volta dalla fine di ottobre

Il barile di Brent ha superato il dollaro 75 giovedì per la prima volta in quasi sei mesi, sostenuto dall'inasprimento delle sanzioni statunitensi sull'Iran.

Verso 08H40 GMT (10H40 a Parigi), un barile di greggio Brent Mare del Nord per consegna giugno è stato del valore di dollari 75,23 a Londra, fino 66 centesimi dalla chiusura di Mercoledì, un quarto d'ora dopo il picco di dollari 75,42.

A New York, un barile di light sweet greggio (WTI) per la stessa maturità ha guadagnato 20 centesimi di dollari 66,09, pochi minuti dopo aver raggiunto i dollari 66,16, un massimo anche per quasi sei mesi.

I prezzi sono saltati lunedì dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato la cancellazione delle esenzioni statunitensi che hanno permesso ad alcuni paesi di importare greggio iraniano nonostante le sanzioni di Washington.

"In teoria, dovrebbe uscire tra 1 e 1,3 milioni di barili al giorno sul mercato", ha detto Tamas Varga, analista di PVM, anche se ha detto, "resta da vedere".

L'Arabia Saudita, il maggior esportatore, ha infatti già promesso di aumentare la sua estrazione per compensare barili iraniani, anche se il ministro dell'Energia Khaled al-Faleh, ha detto Mercoledì che l'aumento non sarebbe accaduto " immediatamente ", secondo i commenti riportati da Bloomberg.

Giovedì, l'aumento del WTI è stato meno marcato in quanto l'Agenzia statunitense per l'informazione sull'energia ha riferito che le scorte di greggio di mercoledì sono state superiori alle attese negli Stati Uniti.

Questi sono quindi aumentati di 5,5 milioni di barili durante la settimana conclusasi ad aprile 19. Qualsiasi aumento delle riserve di petrolio greggio degli Stati Uniti è generalmente interpretato come un segno di una domanda inferiore nella più grande economia del mondo.

Articolo Fonte: https://www.france24.com/fr/20190425-le-petrole-depasse-75-dollars-premiere-fois-depuis-fin-octobre