L'ufficio del Procuratore fa appello alla richiesta di libertà provvisoria di Carlos Ghosn

L'ufficio del procuratore di Tokyo giovedì ha presentato ricorso contro la decisione di un tribunale di approvare la cauzione di Carlos Ghosn. L'ex CEO di Renault-Nissan era tornato in prigione all'inizio di aprile dopo un altro arresto a sorpresa.

Le speranze di cauzione di Carlos Ghosn diminuire. L'ufficio del procuratore di Tokyo ha presentato appello giovedì, 25, aprile, la decisione di un giudice di autorizzare il rilascio della cauzione di Carlos Ghosn, ha annunciato il tribunale di Tokyo in una breve dichiarazione.

Questo appello sospensivo arriva poco dopo l'accordo dato all'uscita della prigione dell'ex magnate della macchina, con il pagamento di 500 milioni di yen (4 milioni di euro). Detenuto a Tokyo dopo un altro arresto tre settimane fa, Carlos Ghosn si trova di fronte a quattro accuse di presunte malversazioni finanziarie.

L'ex CEO di Renault-Nissan, che era stato inizialmente arrestato a novembre 19 a Tokyo, aveva già pagato un miliardo di yen (otto milioni di euro) per tirare fuori la marcia 6 dal centro di detenzione del distretto di Kosuge dopo aver ottenuto una prima versione in libertà condizionata con gli arresti domiciliari nella capitale giapponese.

Ma i pubblici ministeri hanno deciso a malapena un mese dopo di richiamare ulteriori fatti. Carlos Ghosn si trova di fronte a quattro capi d'accusa per varie pratiche finanziarie, tra cui l'occultamento del reddito in documenti di borsa e due diversi casi di violazione aggravata della fiducia.

Articolo fonte: https://www.france24.com/en/20190425-japon-justice-accept-liberation-sus-caution-carlos-ghosn