Spagna: Atletico doccia Valencia, il titolo di Barça in ritardo

L'FC Barcelona dovrà aspettare! Un chiaro sciopero di Angel Correa ha permesso all'Atlético Madrid di fare la doccia a Valencia (3-2) mercoledì per l'34 giorno del campionato spagnolo, ritardando l'incoronazione annunciata del Barça, che potrebbe intervenire sabato.

Sotto una pioggia battente allo stadio Metropolitano, i francesi si sono messi alla ribalta in una partita elettrizzante: finalmente al meglio Thomas Lemar ha iniziato l'azione del primo goal, segnato da Alvaro Morata (9e), poi lui ha lasciato cadere la palla sul cranio di Antoine Griezmann (50e), autore del suo goal 15e della stagione in Liga. E alla fine di una partita indecisa, il tiro a spirale dell'argentino Correa ha dato la vittoria ai Madrileni (81e).

Nel frattempo, l'ex "Colchonero" Kevin Gameiro aveva pareggiato per il Valencia (36e) e causato una penalità convertita da Dani Parejo (77e).

Con questo successo, l'Atlético (2e, 71 punti) torna a nove lunghezze del leader Barcellona (1er, 80 punti) a quattro giorni dalla fine. Questo costringerà il Barça a battere Levante sabato sera al Camp Nou per assicurare la Liga 26e nella sua storia. In virtù di una speciale differenza reti favorevole ai catalani, basterà una sconfitta di Atleti sabato pomeriggio contro Valladolid.

La squadra di Valencia (5e, 52 punti), è una tappa della gara per il quarto posto, l'ultima qualificazione per la Champions League, attualmente occupata da Getafe (4e, 54 punti) che riceve giovedì il Real Madrid (3e, 64 punti).

- Il lustro francese -

L'allenatore dell'Atlético Diego Simeone lo ha annunciato, la sua squadra avrebbe combattuto "fino all'ultimo respiro" per il titolo. Mercoledì non ha sussultato, nonostante l'avvento di Valencia e nonostante uno stadio metropolitano scarso a causa del maltempo.

Soprattutto, Simeone è stato premiato per aver mantenuto la sua fiducia in Thomas Lemar. Il debuttante più costoso nella storia del club la scorsa estate (75 milioni), il campione del mondo ha impiegato del tempo per adattarsi al gioco dell'Atlético, tra infortuni e meforme.

Ma dopo un provvidenziale gol a Eibar lo scorso fine settimana (1-0), ha brillato di nuovo mercoledì: una diagonale ispirata, ha spostato Juanfran, il cui centro è stato mandato in fondo da Morata (9e). Quindi Lemar ha centrato il palo lontano per Griezmann, che ha segnato dal comando (50e). È stato quindi applaudito all'uscita dal campo (71e).

"Grizi", tornato dopo una partita di sospensione, ha firmato lui stesso una prestazione eccellente, ammirando il suo copricapo (78e, 83e). E il suo obiettivo gli permette di diventare il quinto marcatore nella storia del club (gol di 130), davanti a Fernando Torres (129).

Nel campo opposto, un altro francese ha brillato: Kevin Gameiro, che ha trovato lo stadio Metropolitano, non ha celebrato il suo obiettivo quando ha colpito a bruciapelo dopo un perfetto disallineamento di Santi Mina (36e). Ha anche richiesto e ottenuto un rigore dopo aver usato l'arbitraggio video (VAR) quando il suo tiro da sinistra è stato bloccato da Saul (75e). Dani Parejo ha trasformato (77e sp).

Tutto sommato, la sconfitta infuria per i valenciani, ma devono riprendersi rapidamente prima di un sussulto della stagione: semifinale di Europa League contro l'Arsenal (2 e 9 maggio) e finale della King's Cup 25 maggio contro Barcellona!

Fonte dell'articolo: https://www.france24.com/en/20190424-spain-latletico-douche-valence-the-titre-barca-retarde