Svizzera: sovvenzioni, tavolo, vendite: quali sono le poste per il

La parte francofona della Svizzera è il Lago di Ginevra, un terroir ricco e variegato con molte specialità culinarie, senza dimenticare Ginevra, il suo salotto letterario e l'Orchestre de la Suisse Romande. Ma è anche una piccola area di oltre 9000 km2 che abbonda con molti lettori. Quali specificità e quali problemi per questa edizione all'incrocio dei mondi?

Lo splendore di un'icona
foto di illustrazione, Xavier, CC BY 2.0

L'edizione svizzera di lingua francese: un'influenza regionale?

Prima caratteristica: il suo aspetto regionale. E se questa risposta mette tutti d'accordo, tra punti di forza o punti deboli, i professionisti del libro risponderanno. Per Caroline Coutau, direttrice delle edizioni Zoé, la sua scelta è fatta: «Per trovare energia e stimoli, devi andare per l'ossigeno altrove, in modo da non correre in un vaso incestuoso. Inoltre, il mercato svizzero in Svizzera è così piccolo che è difficile sopravvivere economicamente.»

Un parere che Jean-Baptiste Dufour, direttore dell'emittente / distributore Servidis, deplora, "Ci sono molte case editrici per un territorio così piccolo. Il settore è molto dinamico.»

Se per uno, la piccolezza del suo mercato fa rima con l'impermeabilità dei suoi confini, per l'altro, questa dimensione regionale assicura una radiazione molto più ampia. " Se i libri trattano di ciò che interessa la Svizzera francese, le trasmissioni incrociate consentono di avere successo con un autore svizzero e una casa editrice svizzera. C'è una risonanza, che forse potrebbe essere meno vera per gli editori del Quebec, ad esempio, proprio a causa di questa prossimità territoriale. »

E per aggiungere " È un laboratorio di giovani talenti, che può quindi andare alle edizioni francesi. C'è davvero questo lato dell'incubatore per alcuni autori. L'edizione svizzera è usata per scoprire giovani talenti '.

Esiste di fronte a un grande vicino francese

Una fantasia che nasconde troppo la dura realtà per Caroline Coutau: " C'è molta energia e tempo per esistere sul mercato francese quando pubblichiamo dall'altra parte del Giura "Anche se, ovviamente," ne vale la pena - avere un autore pubblicato a Ginevra leggere e amare migliaia di lettori francesi che sono perfettamente indifferenti alla nazionalità dell'editore o a quello dell'autore francofono che leggono è un'intensa soddisfazione '.

Soprattutto, aggiunge, " in una seconda volta, questi lettori si rendono conto che l'autore e l'editore sono svizzeri e assennati, pensosi e pensierosi, e forse ammirando ... »

Jacques Maires, editore Jouvenceune, una casa specializzata nel campo dei libri pratici, salute, cibo e sviluppo personale, affronta anche le questioni relative a questo settore limitato che è l'edizione svizzera di lingua francese: " È un mercato ristretto che vive di sussidi. La Svizzera romanda e i cantoni fanno molto per sostenere questa cultura locale. »

« Non chiediamo mai sussidi, è un principio. Facciamo libri per rendere le persone più autonome e responsabili, quindi giochiamo, ed è un handicap per una persona essere sovvenzionata perché perde la necessità di interrogarsi. Dice.

Dal locale al polare: i settori della Svizzera francese

« In termini di vendite, c'è un bonus locale ", Continua Jean-Baptiste Dufour," ma c'è anche una nuova ondata nel thriller. È abbastanza nuovo, ma molto popolare ". Ad esempio, Marc Voltenauer, a cui dobbiamo Il drago di Muveran, il suo primo lavoro a Slatkine, che ha venduto più copie di 60.000 nel mondo francofono.

Quindi, in 2017, Chi ha ucciso Heidi?, anche il numero di vendite 1 in Svizzera per diverse settimane. Ma anche Joel Jenzer, con Fired o Sébastien Meier, autore di Interruttori di ossa.

« Diverse cose mi hanno spinto a scrivere questo libro e ad inventare un paese: ho scritto una prima trilogia ancorata in Svizzera che affonda in tutti i lati meno brillanti della Svizzera. I crimini sono colletti bianchi a casa ... Aveva detto al microfono di France Culture per l'uscita del suo lavoro.

« Le edizioni svizzere svizzere non specializzate si basano su un patrimonio locale, che le persone amano ricordare, è una scommessa sicura "Analizza Jacques Maires, che ha fatto la scelta di espandersi di più in Francia. " Normalmente gli editori svizzeri svizzeri vendono il 90% dei loro libri in Romandia. Viceversa, il 8% delle nostre vendite proviene dalla Svizzera contro il 92% della Francia. »

« I miei lettori sono in Francia. Molti autori svizzeri di salute e sviluppo personale sono pubblicati, certamente, ma è una conoscenza che non è necessariamente direttamente collegata alle tradizioni locali. Questi soggetti non hanno confini. E per le questioni transfrontaliere, si tratta di sviluppare nel mercato in cui i lettori sono i più numerosi.

Libri non venduti in Romandia così, ma così segnati dalla sua cultura. " Molti dei nostri romanzi di sviluppo personale scritti nella Svizzera romanda sono venduti in Francia, proprio perché a casa abbiamo una visione del cuore. I romani svizzeri interessati allo sviluppo personale hanno un approccio provinciale che è caratterizzato da questo messaggio del cuore e che parla alle persone più che alla semplice razionalizzazione della mente. Gli svizzeri svizzeri non intellettualizzano troppo le cose. È molto diverso dagli spiriti dell'arrondissement 5e o 6e, e il cambiamento è ciò che piace. »

Un mondo di lettori, soprattutto

« La Svizzera romanda è il territorio di un lettore, dove il doppio dei libri sono venduti come in Francia per il confronto Pascal Vandenberghe, CEO della catena di librerie Payot, contattato da ActuaLitté. E questo, nonostante un tavolo che potrebbe incoraggiarli a comprare libri su Internet o oltre confine, con le loro controparti francesi.

« Il tavolo non impedisce mai a un lettore modesto di acquisire un libro "Riprende Caroline Coutau. Osservazione notevole che l'amministratore delegato di Payot spiega: " La sfida principale dagli anni 9 è il tasso di cambio con l'euro è differenziale, e ciò solleva preoccupazioni. Dato che 2010-2011, uno è abituato a conviverci, uno è obbligato dal momento che 80% dei libri venduti viene importato dalla Francia. Quindi sì, siamo costretti a vendere i nostri libri più costosi, ma corrisponde anche al salario e al potere d'acquisto, più alto in Svizzera. »

Dovrebbe anche partire da una semplice osservazione: " Non possiamo essere competitivi per il prezzo, ma abbiamo messo in atto strategie per mitigare questo fattore. La prima leva è la qualità della cosiddetta offerta di prodotti immediati. Le nostre librerie hanno molti fondi, quindi il cliente può, nella maggior parte dei casi, partire direttamente con il suo libro. Ad esempio, in 2015 abbiamo unito due negozi per crearne uno più grande per aumentare la nostra offerta e soddisfare i clienti. La seconda leva è l'esperienza del cliente su tutti i servizi che offriamo. Per usare un eufemismo, deve partire con la sensazione di aver avuto per i loro soldi. Il servizio deve avere valore per giustificare il prezzo più alto. »

Un valore aggiunto per superare le tabelle, ma anche competere con il gigante Amazon, che gira ancora e ancora. " Amazon inizia a segnare, è una tendenza "Riprende Jacques Maires. " Il libraio deve offrire questo valore aggiunto di contatto e consulenza. Il libraio è davvero un anello debole nella catena del libro, è un peccato! »

Una dichiarazione condivisa da Josée Cattin, direttore di Interforum Switzerland: " Il libro ha ancora un buon patrimonio e rimane caro al cuore dei lettori, che rimangono fedeli clienti di libri pubblicitari nonostante il posto guadagnato dalle vendite online '.

Abitudini acquisite e che non sembrano lasciare alcuna possibilità per l'introduzione del prezzo unico, già rifiutato nel voto popolare 11 March 2012. " Abbiamo combattuto per questo [il prezzo singolo] Per sette anni fino al voto popolare federale, i romani svizzeri hanno votato a favore, ma erano in minoranza rispetto a un chiaro rifiuto tedesco. Anche la democrazia ha i suoi difetti ", Caroline Caroline deplau, direttore della rivista Zoe.

===> Altri articoli su SVIZZERA qui <===

>

Questo articolo è apparso per primo https://www.actualitte.com/article/reportages/subventions-tabelle-ventes-quels-enjeux-pour-l-edition-suisse-romande/94083