"Il mercato degli schiavi" ... Un poster dell'estrema destra tedesca fa polemiche sui social network

Tollé sul Reno. L'estrema destra Il tedesco ha sollevato una polemica con un manifesto elettorale per le elezioni europee che utilizza un dipinto del XIX secolo intitolato "Il mercato degli schiavi".

La sezione di Berlino dell'Alternativa per la Germania (AfD), un partito noto per la sua posizione anti-immigrazione, ha scelto per un poster di utilizzare questo grafico 1866 che mostra uomini barbuti e con i capelli a banda che esaminano una donna nuda, aggiungendo slogan: "Gli europei votano per l'AfD" e "in modo che l'Europa non diventi" Eurabe "".

"Condanniamo fermamente l'uso di questo tavolo"

Ma il Clark Art Institute, con sede nel Massachusetts (USA) e di proprietà del pittore francese Jean-Léon Gérôme, ha protestato dopo aver visto il poster di AfD su Twitter. "Condanniamo fermamente l'uso di questo grafico per supportare il posizionamento politico dell'AFD e li abbiamo scritti per chiedere loro di smettere ", ha detto Olivier Meslay, direttore dell'istituto.

Tuttavia, ha riconosciuto che dal momento che il dipinto è di pubblico dominio, "Non c'è alcun copyright o autorizzazione a controllare come viene utilizzato, a parte chiamare 'AfD Berlin da correggere'.

Forti critiche sui social network

Questo poster ha anche suscitato aspre critiche sui social network. Serap Guler, membro della CDU, la festa di Cancelliere tedesco Angela Merkel, ha detto su Twitter: "No, i veri europei non eleggono i razzisti. I veri europei non difendono l'Europe con paura e odio.

Questa non è la prima volta che l'AfD solleva una polemica con uno dei suoi poster. Nella campagna elettorale del 2017, ha allineato spazio pubblico di passeggiatrici manifesti che espongono il corpo di donne nude, con questo messaggio: "Il burqa? Preferiamo il bikini. L'AfD è da settembre 2017 il principale partito di opposizione alla Camera dei Deputati.

Fonte: https://www.20minutes.fr/high-tech/2505807-20190427-marche-esclaves-affiche-extreme-droite-allemande-fait-polemique-reseaux-sociaux