Lezione pubblica / Reverend Pastor Yayé Dion Insegna sull'origine del popolo Wês - Abidjanshow.com

Un'importante conferenza ha riunito un grande pubblico questo sabato 12 di gennaio 2019 nella sala di culto delle opere e delle missioni battiste della Chiesa attorno al tema: "I popoli di Wês: origini, punti di forza e debolezze".
In questa occasione, il Dr. Robert YAYE Dion, primi responsabili di questa chiesa e presidente del Concistoro dei protestanti Chiese evangeliche della Costa d'Avorio, ha incaricato il pubblico sullo stato di avanzamento dei popoli Wes nella storia, la conoscenza essenziale per il dominio padronanza del presente e del futuro.
Per lui, le origini di Wês si perdono nella notte dei tempi, risalendo al comune antenato degli africani Cush, uno dei tre figli di Noè.

Leggi anche: Problemi giudiziari dell'MHD: Ecco l'enorme perdita che registra in seguito

I membri del nero Zaguël dinastia che governò l'Etiopia fino al VI secolo e sconfitto dal Salomonites dallo Yemen, gli antenati di Wes dispersi in un grande e lunga migrazione che li ha portati ad ovest tra la costa Senegal e il fiume Bandama. 21 di queste persone si stabilì tra la Liberia (6) e Costa d'Avorio sotto il nome generico Magwe (o Kru, secondo il colonizzatore): Bete, Niaboua, Gnédéboua, Kouzié Dida, Godié, Bakwe, Kroumen , ecc.).
Fu Bandama a fermare la loro migrazione verso est, dove le linee Magwe più avanzate attraversavano gli Akan, del grande gruppo Kwa, che proveniva dall'Egitto dall'impero del Mali e dall'attuale Ghana. e risultante in parte dalla dispersione degli ebrei dopo l'anno 70).

Leggi anche: "Africa del riso": dopo il Marocco, la Costa d'Avorio è al centro dell'attenzione per l'edizione 2

popoli Wes frangia Magwe, respinto dal popolo di Dan (Dan Tura ...) è venuto dopo scambiato con loro il culto della maschera, in cambio riceve l'arte della tessitura bubù Manois sette bande della tradizione ebraico. Sul loro denominazione Guere, l'oratore ha detto che procede da una deformazione: spiega al capitano Lawrence 1911 chi erano i loro vicini, in désignèrent Wes come "mun Ford", o "la gente delle maschere "(che è stato trascritto goffamente" Guerés. ") le loro alleanze e convivenza generò la gente Métis di Wobe (termine derivato anche dalla trascrizione goffo WE-Behe Malinke," là fuori, è il WE).

Per l'oratore, l'adorazione del Gla è un culto divorato del Dio vivente mediante la memoria remota che il Wes aveva dell'unico Dio, il Dio di Israele, dalla lontana Etiopia dove, inoltre, si pratica sempre il cristianesimo attraverso la Chiesa copta. Inoltre, Gesù, che era un insegnante, è conosciuto dagli antichi Wês che lo chiamavano Blahi (di Boblahi, o Guéla'a You Blahi, che significa, il figlio di Dio che insegna la buona notizia).

Leggi anche: ICC, Appello di Fatou Bensouda: Me Altit "Il presidente Laurent Gbagbo non intende fuggire"

Il reverendo, ricordando la grandezza storica di tutti i popoli, ha esortato i Wês a cogliere questo ricco passato per costruire un futuro migliore nel crogiolo di una fraternità della Costa d'Avorio.
Molti cantanti hanno animato questo momento di condivisione con lodi alla gloria del Signore.

Ph. Demanois, inviato speciale

commenti

commenti

Questo articolo è apparso per primo https://www.abidjanshow.com/culture/conference-publique-le-reverend-pasteur-yaye-dion-enseigne-sur-lorigine-des-peuples-wes