Keplero della NASA ha appena individuato 18 nuovi pianeti delle dimensioni della Terra, ma solo un merito da sognare - BGR

Kepler Space Telescope della NASA potrebbe essere morto ma ciò non significa che la ricchezza dei dati raccolti non riservi sorprese. Un nuovo documento di ricerca redatto da scienziati del Max Planck Institute, della Georg August University e dell'Osservatorio di Sonneberg è un eccellente promemoria. Rivela l'esistenza di 18 (!) Exoplanets totalmente nuovi e precedentemente sconosciuti agli astronomi.

La scoperta fu fatta dopo un'attenta analisi dei dati di Keplero usando un nuovo metodo più sensibile e probabilmente, secondo i suoi creatori, per scoprire dozzine o anche un centinaio di mondi completamente nuovi in ​​orbita attorno a stelle lontane.

l'attrezzatura da caccia viene analizzata per rilevare eventuali cambiamenti di luminosità delle stelle che potrebbero indicare la presenza di un pianeta. Tuttavia, questo può rendere difficile la localizzazione di pianeti più piccoli, come quelli di dimensioni simili alla Terra.

"Gli algoritmi di ricerca standard cercano di identificare improvvisi cali di luminosità," Dr. Rene Heller, primo autore della ricerca pubblicata su [19659005] Astronomia e astrofisica ha detto in una dichiarazione . "In realtà, un disco stellare appare leggermente più scuro sul bordo rispetto al centro. Quando un pianeta si muove davanti a una stella, blocca inizialmente meno luce stellare che nel mezzo del transito. La massima gradazione della stella si verifica nel centro del passaggio poco prima che la stella diventi gradualmente più luminosa ", spiega.

18 superbi nuovi pianeti sono una scoperta incredibile, ma nessuno di loro sarebbe probabilmente vivibile. dalla vita come la intendiamo noi In effetti, 17 di questi è probabilmente troppo caldo perché l'acqua liquida esista sulla loro superficie. Questa è una grande delusione per quelli di noi che sognano di scoprire un mondo veramente "extraterrestre" con forme di vita uniche.

L'unico simbolo singolo, un pianeta chiamato EPIC 201238110.02, è un po 'più grande della Terra, ma ancora nel regno di ciò che gli astronomi considerano come "simile alla Terra". È alla giusta distanza dalla stella ospite che potrebbe probabilmente contenere acqua liquida sulla sua superficie. Questa "Zona dei Riccioli d'oro" è dove si trova la Terra e si pensa che i pianeti in quest'area delle loro rispettive stelle siano la nostra migliore possibilità di trovare la vita extraterrestre.

In futuro, i ricercatori si concentreranno sulla ricerca di altri mondi prima sconosciuti e speriamo che altri pianeti potenzialmente abitabili faranno parte del mix.

Fonte immagine: NASA / JPL

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR