Meghan Markle ha deciso "Mi difenderò", ha detto l'attrice che interpreta la duchessa

L'attrice californiana Tiffany Smith descrive la duchessa nell'imminente film Lifetime Harry & Meghan: Becoming Royal. Il film esplora il primo anno impegnativo di Meghan come reale, dopo il suo matrimonio con il principe Harry lo scorso maggio. Parlando al Telegraph, la signora Smith ha detto: "Oh, solo perché non vediamo Meghan piangere in pubblico, non significa che a volte non si sentisse in quel modo.

"Ho dovuto prendere ciò che facciamo. Sapere e indovinare come, con un passato simile, avrei cercato di gestire alcune delle situazioni in cui si trovava.

"E penso che ci sarebbe stato un momento in cui lei avrebbe deciso," Ok, sono stufo di essere spinto in quella direzione ora, e mi difenderò. "

La signora Smith ha aggiunto che era certa che Meghan fosse "qualcuno che sa esattamente quello che vuole - e come lei arriverà". .

meghan markle

Il nuovo film esplora il primo anno al potere di Meghan (Immagine: GETTY)

L'attrice ha detto: "Penso che lo abbia sempre fatto. Eppure, amo ancora il suo calore.

"Per me è stato quindi importante trasmettere questo messaggio nel film e presentare Meghan come una donna incredibilmente forte che vuole cambiare il mondo, ma anche una donna gentile e gentile. "

La signora Smith ha anche parlato di voci di una lite tra Meghan, nato negli Stati Uniti, sua cognata, la duchessa di Cambridge.

meghan markle

Meghan si unì alla famiglia reale quando sposò il principe Harry a maggio (Immagine: GETTY)

informazioni reali

Tiffany Smith interpreta la duchessa di Sussex in Harry & Meghan: diventare reale (Immagine: GETTY)

Ha detto: "Credo che entrambe le donne siano forti sostenitori dell'empowerment delle donne, quindi è stato molto importante per noi vedere questa comunione e sostegno.

"C'è questa mentalità che le donne non possono sostenersi a vicenda. Potrebbe esserci competizione, ma non lo sono affatto.

"E poiché ho quel tipo di energia, mi sembra logico che anche Meghan ne abbia un po '."

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su DOMENICA ESPRESSA