Home TECH E TELECOM Perché Google Chrome bloccherà alcune immagini e video per impostazione predefinita

Perché Google Chrome bloccherà alcune immagini e video per impostazione predefinita

0
Perché Google Chrome bloccherà alcune immagini e video per impostazione predefinita

Nei futuri aggiornamenti di Chrome, Google introdurrà nuove regole per determinati elementi caricati su pagine Web, come immagini e video. Se questi elementi non sono sicuri, il browser li bloccherà per impostazione predefinita.

Google sta lavorando duramente per proteggere il Web. Dopo 2013 e le rivelazioni di Snowden, è chiaro che il gigante della rete mobilita la sua influenza per emarginare le connessioni senza crittografia (HTTP). Sono state prese varie misure per incoraggiare i siti a passare a connessioni protette (HTTPS), che stabiliscono un canale sicuro con l'utente.

In 2014, ad esempio, Google ha realizzato questa protezione un criterio di riferimento sul suo motore di ricerca. La società Mountain View ha inoltre utilizzato il suo browser Web, Google Chrome, per prevenire più chiaramente gli utenti di Internet quando accedono alle pagine senza crittografia della connessione. Un avvertimento che la società americana rafforzato con il tempo.

Google Chrome
Alcune immagini o video potrebbero non essere più caricati con Chrome 81.

Questo sforzo continuerà con le prossime tre versioni di Google Chrome. Inizio ottobre, è stata svelata una tabella di marcia per discutere di ciò che Google intende fare in merito al "contenuto misto" - contenuto (come immagini, video, file audio, script o iframe) che viene caricato in HTTP sulle pagine che sono comunque in HTTPS.

La sfida è la sicurezza degli utenti di Internet. La società americana evoca uno scenario in cui un aggressore falsificherebbe l'immagine di un grafico di borsa per ingannare un investitore. Un altro motivo è nel messaggio inviato all'utente, poiché si trova su una pagina che si ritiene sia sicura, ma che non è completamente sicura, a causa di elementi caricati senza sicurezza.

Transizione in tre fasi

Da Chrome 79, che è previsto per dicembre 10Google implementerà una nuova impostazione che consentirà all'utente di sbloccare i contenuti misti sui siti di sua scelta. Questa impostazione, accessibile tramite l'icona di blocco accanto alla barra degli indirizzi, sarà per script, iframe e altri contenuti che Chrome sta già bloccando per impostazione predefinita.

Con la prossima versione, Chrome 80, previsto per 4 2020 di febbraio, la transizione continuerà prendendo di mira risorse audio e video. Il browser proverà a caricarli in HTTPS e, in caso contrario, li bloccherà per impostazione predefinita. Ancora una volta, gli utenti avranno accesso all'impostazione sopra descritta se vogliono comunque visualizzarli. Le immagini non saranno interessate, ma Chrome visualizzerà un avviso.

Google gestisce questo bilanciere per diversi mesi. // Fonte: Numerama

È con Chrome 81, che arriverà durante la primavera, che verrà impostato il caso delle immagini. Google applicherà la stessa ricetta: proverà a caricarli in HTTPS. In caso di errore, verranno bloccati per impostazione predefinita. Chrome 81 segnerà la fine di questa opzione. In pratica, Google sembra pensare che questo blocco non influirà necessariamente sulla visualizzazione dei siti Web, grazie al caricamento forzato in HTTPS.

Inoltre, la crittografia delle connessioni è diventata la norma sul web. Su una pagina dedicataGoogle ritiene che 90 100 siti più grandi del mondo, a parte i suoi, offrano collegamenti sicuri. E questi cento siti rappresentano circa il 25% del traffico web globale. Infine, la scadenza lasciata da Google e la natura molto progressiva delle future regole sui contenuti misti limiteranno anche la rottura, lasciando ai siti il ​​tempo di adattarsi a questa nuova situazione.

Condividi sui social network

Questo articolo è apparso per primo https://www.numerama.com/tech/567834-pourquoi-google-chrome-va-bloquer-par-defaut-certaines-images-et-videos.html#utm_medium=distibuted&utm_source=rss&utm_campaign=567834