La Cina raggiunge il traguardo con il lancio di un lungo razzo del 5 marzo - BGR

0 144

Venerdì, il ritardo del programma missilistico cinese del 5 marzo ha fatto un passo importante quando ha inviato un satellite di comunicazioni in orbita terrestre. Il razzo dovrebbe svolgere un ruolo importante nelle ambizioni di esplorazione spaziale della Cina in futuro, sebbene abbia avuto un percorso roccioso durante tutto il suo sviluppo.

Dopo diverse false partenze e problemi subito dopo il lancio dei precedenti voli di prova, la Cina sembra avere finalmente inchiodato al suo terzo tentativo. Alla fine, il paese spera che il razzo gli fornisca il potere di lanciare missioni sulla Luna e persino su Marte in un futuro non troppo lontano.

Quando si tratta di lanciare una missione su Marte, i programmi spaziali sono costretti a operare all'interno di finestre abbastanza rigide. Le missioni vengono lanciate sul pianeta rosso con Terra e Marte nelle giuste posizioni e queste finestre di lancio sono relativamente brevi.

La Cina sperava di lanciare il suo primo rover su Marte nel 2020 e pianificò di farlo con un missile Long March. Con il successo del lancio di questa settimana, queste ambizioni sembrano ora molto più realistiche e la Cina si preparerà a inviare le sue attrezzature su Marte a metà del 5.

In futuro, i piani della Cina per una nuova stazione spaziale saranno influenzati anche dal progresso dei missili Long del 5 marzo. Il razzo verrà utilizzato per inviare componenti dalla stazione spaziale al cielo e la Cina prevede attualmente che la sua stazione spaziale sarà operativa entro il 2022.

Inviare roba nello spazio è difficile. È così. La NASA ha appreso che SpaceX lo sta ancora imparando e anche la Cina, che è stata costretta a recuperare il ritardo dopo aver abbandonato le corse spaziali per decenni, lo sta imparando. Ora, con Long 5 in programma, prevediamo che le ambizioni spaziali della Cina aumenteranno nei mesi e negli anni a venire.

Fonte immagine: AP / Shutterstock

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su BGR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!