India: Stati Uniti: la visita di J&K des Envoys segna un passo importante, speriamo di vedere presto presto la normalità | Notizie dall'India

0 94

WASHINGTON: Il Dipartimento di Stato ha descritto la recente visita di inviati di 15 paesi, tra cui gli Stati Uniti, in Jammu e Kashmir come una "pietra miliare", ma ha espresso preoccupazione per la continua detenzione di politici e restrizioni di Internet nella regione.
Durante il viaggio di diplomatici stranieri dopo il 5 agosto, emissari di 15 paesi, tra cui l'ambasciatore americano in India, Kenneth Juster, si sono recati la settimana scorsa in Jammu e Kashmir, dove hanno parlato con rappresentanti politici selezionati, membri della società civile e alti funzionari militari. La vice assistente del sottosegretario di Stato per gli affari dell'Asia centrale e meridionale Alice Wells, che visiterà l'Asia meridionale questa settimana, ha dichiarato sabato che la regione tornerà alla normalità.
“Segui da vicino il recente viaggio di @USAmbIndia e di altri diplomatici stranieri in J&K. pietra miliare. Rimaniamo preoccupati per la detenzione di politici e residenti e per le restrizioni di Internet. Non vediamo l'ora di tornare alla normalità ", ha twittato. Wells viaggerà a Nuova Delhi dal 15 al 18 gennaio per partecipare al Raisina Dialogue.
Incontrerà inoltre alti funzionari del governo per far avanzare il partenariato strategico globale USA-India a seguito del successo del dialogo ministeriale USA + India 2 + 2 e discuterà argomenti di reciproco interesse con i membri dell'azienda e della società civile. Da Nuova Delhi, Wells volerà a Islamabad dove incontrerà i massimi funzionari pakistani e membri della società civile per discutere questioni di interesse bilaterale e regionale. Il Pakistan ha tentato senza successo di mobilitare il sostegno internazionale contro l'India per il ritiro dello status speciale di Jammu e Kashmir.
Reagendo fortemente alla decisione dell'India, il Pakistan ha degradato le relazioni diplomatiche con Nuova Delhi ed espulso l'alto commissario indiano.

Questo articolo è apparso per primo (in inglese) su I TEMPI DELL'INDIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

NON segui questo link o sarai vietato dal sito!