Benin: elezioni mascherate dopo una complicata campagna - Jeune Afrique

0 0

Le elezioni comunali e comunali di questa domenica in Benin si terranno in un contesto sanitario complesso. Dal loro esito dipende il riequilibrio di una situazione politica che non è da meno.


Domenica 17 maggio, oltre 5,4 milioni di elettori beninesi chiamati alle urne, afferreranno una maschera protettiva prima di entrare nella cabina elettorale. I camion, che trasportano materiali elettorali dal 13 maggio ai 14 seggi elettorali in tutto il paese, sono anche carichi di scorte di gel idroalcolico.

Il Benin vivrà da elezioni comunali e comunali mascherate, al termine di una campagna contrassegnata da numerose richieste di boicottaggio, ma che deve tuttavia consentire al paese di tornare a una vita politica pacifica, un anno dopo le contestate elezioni legislative dell'aprile 2019 .

Se, un anno fa, solo la Progressive Union (UP) e il Republican Bloc (BR), due parti che dichiarano di essere presidenziali, erano state in grado di partecipare al sondaggio, questa volta, cinque parti sono in corsa. Solo uno, tuttavia, sostiene l'opposizione: Cowrie Forces for an Emerging Benin (FCBE). L'Unione Democratica per un Nuovo Benin (UDBN) e il Partito per il Rinnovamento Democratico (PRD) rivendicano l'appartenenza al movimento presidenziale.

Campagna divertente

Questa offerta politica consentirà di superare il tasso di partecipazione storicamente basso osservato durante le ultime elezioni legislative, durante le quali solo il 27% degli elettori si era mosso?

Abbonato alla rivista di carta?
Attiva gratuitamente il tuo account Jeune Afrique Digital
per accedere ai contenuti riservati agli abbonati.

Questo articolo è apparso per primo GIOVANE AFRICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.