L'ONU organizza martedì una raccolta fondi per rispondere all'emergenza umanitaria nel Sahel

0 172

Sahel: l'ONU organizza martedì una raccolta fondi per rispondere all'emergenza umanitaria

Sahel: l'ONU organizza martedì una raccolta fondi per rispondere all'emergenza umanitaria

 

(Agenzia Ecofin) - Durante una conferenza interministeriale virtuale prevista per martedì 20 ottobre 2020, l'ONU prevede di raccogliere fondi per finanziare piani di aiuto per il Sahel. Poiché la situazione nella regione diventa preoccupante, i donatori sono lenti nell'erogare fondi.

Le Nazioni Unite (ONU) organizzeranno una raccolta fondi per rispondere all'emergenza umanitaria nel Sahel. L'annuncio è stato dato venerdì 16 ottobre da Jens Laerke (foto), portavoce dell'Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) durante una conferenza stampa a Ginevra, Svizzera.

leggi anche: "Vino rosso, rosso": il significato dei simboli elettorali africani

L'evento si svolgerà nell'ambito di una conferenza interministeriale prevista per martedì 20 ottobre 2020, congiuntamente da Nazioni Unite, Danimarca, Germania e Unione Europea. I fondi mobilitati mirano a far fronte alle conseguenze sociali della violenza e dell'insicurezza, che scuotono la regione sullo sfondo di una crisi sanitaria legata alla pandemia covid-19.

Noi pensiamo che " più di 13 milioni di persone, più della metà delle quali bambini, hanno bisogno di aiuto ”e 7,4 milioni di persone soffrono la fame nella regione. Nel gennaio 2020, l'UNICEF ha annunciato la sua intenzione di mobilitare $ 208 milioni per la regione, mentre l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) ha definito il suo piano di risposta umanitaria per Burkina Faso, Mali e Niger a $ 37,8 milioni.

leggi anche: La bomba della seconda guerra mondiale esplode nel tentativo di disinnescare

Nonostante queste richieste di mobilitazione, l'Onu teme che la situazione nel Sahel venga dimenticata dai principali donatori che sono ancora lenti a finanziare i piani di risposta umanitaria nella regione. Secondo Jens Laerke, i piani di aiuti per Mali, Niger e Burkina Faso sono attualmente finanziati solo per il 40%, mentre la crisi umanitaria in questi tre Paesi " arriva a un punto di rottura '.

« La situazione umanitaria è peggiorata drasticamente negli ultimi due anni. I bisogni crescono più velocemente dei finanziamenti Il funzionario ha detto, aggiungendo che la prossima conferenza interministeriale si pone anche l'obiettivo che i paesi donatori e quelli della regione trovino soluzioni durature che eliminino la necessità di aiuti umanitari.

Questo articolo è apparso per la prima volta su: https://www.agenceecofin.com/social/

Lascia un commento