La stampa spagnola sgancia questa bomba dopo l'uscita di Messi dal PSG

0 240

La stampa spagnola sgancia questa bomba dopo l'uscita di Messi dal PSG

 

La televisione spagnola "El Chiringuito" ha rivelato lunedì che la scorsa settimana si è tenuto un incontro tra il padre di Lionel Messi e la capolista del PSG per ingaggiare l'argentino nella squadra della capitale francese. .

Ricordiamo che la star brasiliana Neymar ha recentemente annunciato ai media, dopo la vittoria del PSG all'Old Trafford, che vorrebbe rigiocare con Messi: “Mi piacerebbe giocare di nuovo con Messi. Questo è ciò che desidero di più. Lo lascerei suonare per me, non ci sono problemi (ride). Voglio giocare di nuovo con lui, di sicuro. Dobbiamo farlo il prossimo anno ", aveva lanciato.

Un'affermazione che ha fatto molto rumore in Catalogna soprattutto quando sappiamo che la partenza dell'argentino che sarà a scadenza il prossimo giugno riguarda ancora il club catalano.

La capolista del Barça non sembra pronta a mollare il sei volte Pallone d'Oro. Josep Maria Bartomeu aveva opposto una fine di inammissibilità al desiderio di partenza di Messi.

Se per i media, il Manchester City era il club che sembra essere il migliore per accogliere il capitano del Barcellona, ​​il PSG è ora un favorito, nonostante la difficile situazione finanziaria del club nella capitale.

Secondo il programma El Chiringuito, Jorge Messi, padre e agente del Barcellona n. 10, avrebbe anche partecipato a un incontro al consolato del Qatar per la firma di Lionel Messi con i campioni di Francia, il programma di Sexta garantendo che "I legami tra Messi, Qatar e PSG sono sempre più forti" e che le discussioni erano state molto precise.

A Papa Francesco piace questa foto ultra audace di una giovane donna vestita in modo succinto, la tela si accende 

Rivelazioni che ovviamente non sono passate inosservate. Tant'è che hanno spinto Jorge Messi a uscire dal bosco per opporsi a una smentita. "Falso, una nuova invenzione", ha scritto in una storia di Instagram, specificando: "Sono in Argentina da settembre". Il tutto accompagnato da un hashtag “#fakenews”.

Questo articolo è apparso per la prima volta su: https://www.afrikmag.com

Lascia un commento