L'Algeria di nuovo di fronte alla minaccia terroristica: Jeune Afrique

0 880

I demoni degli anni '1990 sono tornati? Da diverse settimane gli attacchi, gli arresti e le scoperte di armi sono in aumento e suggeriscono una recrudescenza del fenomeno jihadista nel Paese.


Il 14 gennaio, all'alba, un gruppo di cacciatori della cittadina di Bir El Ater, nella wilaya di Tébessa, al confine con la Tunisia, si è diretto verso la sua zona di caccia a bordo di un pick-up. Il loro veicolo salta improvvisamente su una bomba fatta in casa azionata a distanza. L'esplosione ha provocato la morte di cinque persone e ha provocato scalpore tra la popolazione di questa cittadina da tempo vittima del terrorismo.

Non è la prima volta che cacciatori o escursionisti sono vittime di mine nella regione, di solito bombe sganciate negli anni 1990. Ma da allora è la prima volta che un veicolo civile è stato deliberatamente preso di mira dai terroristi. la fine di decennio nero.

Poche ore dopo, a una trentina di chilometri di distanza, nella Wilaya di Khenchela, l'esercito ha ucciso un terrorista rifugiandosi in una grotta. Le attrezzature trovate in suo possesso - binocolo, mitragliatrice e radio - indicano che era responsabile della sorveglianza di questa zona strategica per i gruppi armati.

Arsenale di guerra

Una settimana prima, il 7 gennaio, un operatore del 104 ° reggimento di manovra operativa, l'unità antiterroristica d'élite dell'esercito algerino, ha disimballato il lungo tubo di un missile antiaereo russo portatile Strela-2. Questa è la prima volta, in trent'anni di terrorismo, che una tale scoperta viene rivelata al pubblico, sebbene gruppi terroristici abbiano già messo le mani su questo tipo di missili in passato, in particolare nel marzo 1993, dopo il attacco alla caserma Boughezoul, a sud di Algeri.

Questo articolo è apparso per la prima volta su https://www.jeuneafrique.com/1105358/politique/lalgerie-de-nouveau-confrontee-a-la-menace-terroriste/?utm_source=jeuneafrique&utm_medium=flux-rss&utm_campaign=flux-rss- giovani-africa-15-05-2018

Lascia un commento